Phone:  +390687824811
Mail:  

Sanità 4.0: la cyber-security al Summit di Milano

By / 22/06/2017 / / 0 Comments

Sicurezza Informatica e Sanità: a Milano un summit dal titolo “Security & Privacy del dato sanitario”

 

Mai come in questo ultimo periodo il tema della cyber-security è tornato di stringente attualità, soprattutto dopo i ripetuti casi di attacchi hacker che hanno investito un po’ tutti i settori.

Quello sanitario, in particolare, risulta essere il settore più vulnerabile in quanto detentore di numerosi dati sensibili che, se rubati, apportano ingenti danni al Sistema Sanitario, ma anche ai cittadini.

Al Summit tenutosi a Milano a Palazzo Pirelli e promosso da Motore Sanità, si è parlato proprio di questo delicato tema, ma non solo: il titolo dell’evento era infatti “Security & Privacy del dato sanitario il trade off tra cybersecurity tutela e sviluppo del mercato”, dunque cyber-security del sistema sanitario, ma anche sviluppi e opportunità future.

Durante l’evento si è parlato di come, all’interno della Pubblica Amministrazione, di fatto la Sanità sia uno dei settori che ha subito più attacchi informatici, ma si è parlato anche dell’importanza di adottare misure sicure di innovazione nell’ambito medico, come il Fascicolo Sanitario Elettronico, già varato da qualche tempo ma ancora non effettivamente entrato a regime in tutte le regione italiane.

L’obiettivo da parte degli addetti ai lavori dev’essere ovviamente quello di garantire affidabilità, integrità, disponibilità e sicurezza dei dati stessi e delle infrastrutture complesse che li gestiranno, con sfide sempre più rivolte all’ottenimento di una maggiore tutela.

Durante il Summit sono stati comunicati anche i dati relativi al Rapporto Ict in Italia di Clusit (Associazione italiana per la Sicurezza Informatica): secondo la ricerca, in Italia esistono tre differenti macro-tipologie di attacco cyber-sanitario, ovvero

  • perdita o sottrazione di dati (44 per cento)
  • uso improprio di dati (31 per cento)
  • errori di utilizzo dell’Ict (25 per cento).

E’ chiaro che la maggiore diffusione ed accessibilità delle tecnologie informatiche a livello sanitario sta modificando sostanzialemente la cosiddetta “architettura dell’informazione” e per questo si rende necessario rivedere il modello di security e protection.

In tal senso tutti gli attori coinvolti nella filiera del dato sanitario devono essere consapevoli di questo e adattarsi alle nuove misure di security: la pubblica amministrazione deve quindi sempre di più garantire la sicurezza dei dati sensibili durante ogni fase della loro manipolazione e comunicazione.

Leave a reply